Chiesa di San Giovenale

chiesa san giovenale orvieto

Orari: 9.00 – 12.30 / 15.30 – 18.30

Ingresso libero

La più antica chiesa di Orvieto oggi visibile, fu costruita nell’anno 1004 sopra i resti di una chiesa paleocristiana, a sua volta edificata su un preesistente tempio etrusco probabilmente dedicato a Tinia (Il Giove degli Etruschi) per unanime volontà di alcune ricche famiglie nobili medievali della città. La Chiesa è dedicata a San Giovenale (primo vescovo di Narni e raffigurato con un’ effigie di pietra posto sopra il portale laterale). San Giovenale è una chiesa affascinante nella sua austerità e semplicità dello stile romanico anche per la sua collocazione in un punto all’estremità della rupe, nel vecchio quartiere medievale, una zona del centro storico particolarmente suggestiva e rimasta quasi inalterata nel tempo.

La chiesa mantiene ancora pareti in parte ricoperte da affreschi che ben rappresentano lo stile ed i soggetti tipici  della pittura medievale orvietana sebbene, buona parte di essi furono, nel 1640, ricoperti di calce bianca.

Straordinari gli affreschi della chiesa

Ciò probabilmente avvenne in occasione della disinfezione della chiesa dopo che la stessa aveva accolto dei malati di peste durante il periodo della grande epidemia. Oggi dopo il recente restauro le pareti della chiesa sono tornate a nuova vita riportando alla luce gli antichi affreschi e le opere pittoriche risalenti alla seconda metà del Duecento e del Trecento, proponendo cosi un interessante spaccato della storia della pittura ad Orvieto.

Al di fuori della chiesa, un’area di verde pubblico con panchine affacciata sulla valle sottostante regala un panorama bellissimo e un piacevole senso di tranquillità. Quest’area è al centro di un progetto comunale che intende riqualificare il verde ricreando un impianto di colture orticole e arboree, ispirato alla tradizione monastica per riportare a nuovo splendore l’ “orto medievale” di San Giovenale.

Print Friendly, PDF & Email