Porte di Orvieto

Porte di Orvieto

Orvieto, città raccolta nel perimetro della sua rupe tufacea, ha storicamente goduto del privilegio di questa struttura geologica che rappresentò una vera e propria fortificazione naturale. Quindi per accedere all’interno della città nel tempo sono state create importanti vie di ingresso, che oggi rappresentano le “porte storiche” di Orvieto stessa. Alcune di queste porte sono state demolite ed altre sono invece rimaste, tutt’oggi visibili ed utilizzate.

 

Porta Maggiore di Orvieto

Porta Maggiore

Porta Maggiore

La porta principale e più importante, storico ingresso della città ai tempi degli etruschi ed in epoca medievale. Per molto tempo la porta rimase l’unica grande via d’accesso di Orvieto. Oggi la porta si trova in fondo all’antica Via della Cava (così chiamata perchè anticamente vi era una cava di tufo e pozzolana, materiali utilizzati per la costruzione di molti edifici in città), è una strada ancora percorsa, sebbene solo per uscire ed a senso unico. La porta inoltre fu spesso utilizzata anche come punto d’ingresso per l’arrivo dei Papi in città. Sopra la porta una nicchia ha ospitato la statua del pontefice Bonifacio VIII.


 

portaroccasoliana

Porta Soliana

Porta Soliana (o Porta Rocca)

Questa storica porta inizialmente detta Porta Postierla, quindi ribattezzata Soliana (o ancora della Rocca) si trova incastonata tra le mura della fortezza Albornoz, nel versante orientale della città. La struttura di questa porta è particolarmente bella e riprende in parte, per i materiali utilizzati, lo stile delle “strisce” bianche e scure del profilo del Duomo. Nel 1297 il papa Bonifacio VIII, analogamente a quanto fatto sulla porta ad ovest della città (Porta Maggiore), fece mettere la propria statua sulla nicchia sopra la porta stessa. Oggi la statua, dopo un periodo di restauro, vi è stata ricollocata ed è visibile.

 


 

portaromana

Porta Romana

Porta Romana

Costruita nel 1822, in luogo dell’antica porta Pertusa, è uno degli ingressi principali alla città di oggi. La sua struttura rivela il periodo moderno della costruzione anche nei “motivi” che la decorano. Sulla sommità alle estremità sono rappresentate due statue riprese dallo stemma comunale della città, ovvero, l’aquila imperiale e l’oca, entrambi questi animali, hanno un valore simbolico e storico strettamente legato alla storia della città di Roma.


 

portavivariaorvieto

Porta Vivaria

Porta Vivaria

Di questa antica porta, oggi resta solo una piccola parte visibile. Questa porta oggi percorribile solo a piedi collega il centro con l’area della necropoli etrusca del Crocifisso del tufo, la quale si raggiunge dalla porta con una suggestiva e panoramica passerella che costeggia la rupe. Questo ingresso alla città cosi stretto e non proprio agevole fu molto utilizzato proprio per le sue caratteristiche durante la seconda guerra mondiale come unico accesso alla città.

 


 

Altre due imponenti  porte, col tempo demolite e non più visibili erano presenti ad Orvieto. Si tratta della Porta Cassia, una struttura simile per struttura a Porta Romana e sempre di epoca moderna. Essa si trovava lungo l’attuale via della Stazione poco prima di arrivare a Piazza Cahen.

Un’altra porta costruita di epoca moderna (costruita nel 1918 e demolita nel 1937) su progetto di Paolo Zampi  è la Porta Daziaria. Questa si trovava in Piazza Cahen ed aveva una struttura simile all’ingresso della fortezza Albornoz con profili merlati e rappresentava un unico accesso per chi arrivava a piedi o in funicolare, cosicchè chiunque, passandovi, doveva pagare un dazio per entrare in città.

Add to your list
Print Friendly, PDF & Email

Also available in - disponibile anche in: enEnglish

View Your List

Your List

Delete list About

Store a list of your favourite posts from this site into your browser!
You will conveniently find this list again next time you visit us.

Powered by HTML5 Storage and Rio Loft.

CLOSE
Send via Email... Share on Facebook... Mobile App for your iPhone/Android device

Send your list to a friend

FROM: (Your email): TO: (Your friend's email): Your message:
Send